Prodotti per video chiamate e videoconferenze

L’isolamento imposto dal virus ci ha portati tutti a fare quello che avremmo dovuto fare tempo fa;
cioè interessarci alla comunicazione online tramite programmi e app per meeting, video conferenze, webinar.

Le prove fatte in questi giorni mi hanno portato a queste (molto provvisorie) conclusioni, o meglio considerazioni.

Skype è sempre valido, ha come limitazioni il fatto che deve essere installato da tutti i partecipanti che devono avere anche un utente registrato.

Zoom è una buona soluzione, la versione gratuita permette incontri di solo 40 minuti. Come altri a volte funziona perfettamente, a volte ci sono time-out nell’audio e nel video. Con le app per telefono non sempre siamo riusciti a farlo funzionare perchè non ne voleva sapere di far funzionare l’audio con certi apparecchi. Sono state fatte prove veloci, se non funzionava alla prima poi veniva abbandonato.

La videochiamata di WhatsApp (fino a 4 persone) funziona bene, il ritardo nell’audio perso dipenda dalla velocità della linea a volte è accentuato a volte no.

Hangouts di Google è quello provato meglio. La versione base, gratuita a disposizione di chi ha un account Google personale ha come limiti 10 persone ma più che altro la necessità di avere tutti un utente Google (@gmail.com). Molti l’hanno ma non tutti.

Per chi ha G-Suite di Google (G Suite: applicazioni aziendali per la collaborazione, dal costo da circa 5 euro al mese fino a 20) invece, l’applicazione è Hangouts Meet. Il limite di persone passa a 100, ma la cosa importante è che si possono invitare persone con QUALSIASI mail (libero, alice …). Con Hangouts non ci sono stati problemi di audio-video, le cose sono andate bene.

Durante la creazione dell’evento si genera un link da spedire a tutti i partecipanti, il link è utile al creatore dell’evento perchè, all’ora stabilita, inizia la riunione utilizzando anch’esso il link.

L’invio tramite mail è risultato il più affidabile. L’invito dall’interno non ha funzionato bene. A volte non è arrivato niente.

Chi riceve l’invito, tramite link nella mail, se possiede un PC, clicca sul link e viene aperto il browser predefinito e con pochi click per consentire l’uso di microfono, webcam si entra nell’evento.

Chi partecipa con lo smartphone toccando il link della mail si attiva l’installazione della app Hangouts Meet poi si permette l’uso di microfono e camera e si parte. Da notare che la app installata nello smartphone permette solo di partecipare ad eventi ma non di crearne.

Con Hangouts è stato fatto un CDA con 11 partecipanti senza inconvenienti, se non qualche pausa di secondi nell’audio.

Le funzionalità sono praticamente uguali per tutti questi programmi e app. Videochiamata, soppressione audio e video, condivisione schermo, chat.

Le altre possibilità sono numerosissime, molte soluzioni sono più “professionali” con costi di conseguenza più alti. Le soluzioni gratuite hanno sempre limitazioni abbastanza importati.

Hangouts si presenta come una valida soluzione per lezioni e incontri online:
https://paolomontevecchi.it/consulenza-online/

In questo sito sono disattivati i commenti perchè non ho tempo di gestirli tempestivamente. Per qualsiasi richiesta, dubbio, puntualizzazione, critica chiedo di contattarmi via mail, presente nei contatti.